Disinfestazione Topi & Ratti

Disinfestazione Topi e Ratti

Si definiscono comunemente topi, i numerosi mammiferi roditori della famiglia dei Muridi e di altre affini. Abitualmente si utilizza il termine topo per indicare anche i ratti, ma si tratta di due animali differenti, anche se simili.

Sono di lunghezza variabile da 3 a 30 cm (senza la coda) e sono in grado di adattarsi a ogni ambiente.

Il cosmopolitismo di topi e ratti è dovuto a due fattori: il facile adattamento ad alimentarsi con elementi reperibili negli ambienti umani e la grande prolificità di questi animali.

I resti dell’alimentazione umana, le granaglie, frutta e verdure, addirittura lana, carta, stoffa rappresentano l’ampia varietà di prodotti e materiali che garantiscono ai roditori una riserva alimentare, pressoché inesauribile.

Sono tre le specie di topo e ratto dannose per abitazioni e luoghi di produzione, a causa della loro capacità di adattarsi all’ambiente umano.

  • Topo domestico (Mus musculus domesticus)- il comune topolino
  • Ratto Grigio (Rattus norvegicus) – il ratto grigio o ratto delle chiaviche o pantegana
  • Ratto nero (Rattus rattus) – il ratto dei tetti o ratto delle navi

Disinfestazione Topo Domestico

Il topo domestico, conosciuto come topolino di campagna, è un piccolo roditore (3 – 10 cm), con un colore che varia dal nero ad un marroncino chiaro e con zampette bianche (quelle posteriori sono più sviluppate delle anteriori).

I topi selvatici sono molto simili a quelli comuni, con un colore tendenzialmente più scuro.

L’adulto di topo domestico vive circa 1 anno. Il topo domestico è presente nelle zone agricole, al margine delle coltivazioni o dei boschi, negli incolti, nelle aree cespugliose o in prossimità di copertura vegetale.

E’ stabilmente insediato anche nell’ambiente urbano. Le sue ridotte dimensioni e la conformazione scheletrica gli permettono di penetrare all’interno degli edifici da aperture inferiori al centimetro.

Disinfestazione Ratto Grigio

A dispetto del suo nome, è originario della Cina ed è presente in Europa dal 1700. Comunemente conosciuto come ratto delle fogne o pantegana, presenta un corpo più robusto di quello del ratto nero, coda più corta rispetto alla lunghezza del corpo compresa la testa, occhi e orecchie piccole e naso smussato. La colorazione del fine mantello è bruno-grigiastra, mentre il ventre è più chiaro. L’adulto vive fra i 6 e i 12 mesi e ogni femmina può dar vita fino a 7 cucciolate di 3–15 piccoli.

Abitualmente si rileva la loro presenza negli edifici, nei sistemi fognari e in zone all’aperto. I ratti grigi in genere vivono a terra e nelle tane che possono causare danni estesi alle fognature. Acrobata e arrampicatore, compie salti fino a 70 cm di altezza e più di un metro in lunghezza.

E’ un ottimo nuotatore, ha resistenza in immersione e riesce a risalire le condotte di scarico dei bagni domestici ed entrare nelle abitazioni. Può essere aggressivo se si sente minacciato.

Disinfestazione Ratto Nero

Ha un corpo relativamente slanciato, con coda più lunga del corpo, orecchie affusolate e naso appuntito (15-24 cm). La parte ventrale del suo mantello può tendere al bianco, con la restante parte più scura.

Gli animali che vivono in ambienti esterni hanno un ciclo vitale stagionale, mentre quelli che vivono all’interno di edifici sono più longevi, avendo maggiori possibilità di prolificare nel corso dell’anno. Il ratto nero colonizza giardini e parchi urbani, e arriva ad infestare, principalmente, le parti più alte delle costruzioni, tetti, terrazzi.

Penetra nei locali e nelle controsoffittature da camini e aperture nel sottotetto, condotti e passaggi di cavi e canaline o da serramenti a non perfetta chiusura. Sono agili scalatori e nidificano in posizioni elevate.

E’ una specie particolarmente difficile da controllare a causa della sua diffidenza e delle sue abitudini alimentari selettive.